Sport

Milan, finisce l’era Berlusconi: ufficiale il passaggio della società ai cinesi

Pubblicato il
  • Una bacheca ricca di trofei e qualche amarezza recente: termina la presidenza Berlusconi al Milan. Per i rossoneri proprietari cinesi

    berlusconi milan cinesi
    Una bacheca ricca di trofei e qualche amarezza recente: termina la presidenza Berlusconi al Milan. Per i rossoneri proprietari cinesi – foto: sportmediaset

    Milan, finisce l’era Berlusconi: ufficiale il passaggio della società ai cinesi

    Nel giorno del passaggio ufficiale del Milan in mano ad una cordata di imprenditori cinesi, la copertina è tutta da lasciare e da dedicare all’ormai ex Presidente Silvio Berlusconi, che dopo aver messo nero su bianco, esprime con un messaggio tutto il suo amore verso i colori rossoneri: “Lascio oggi, dopo più di trent’anni, la titolarità e la carica di Presidente del Milan. Lo faccio con dolore e commozione, ma con la consapevolezza che il calcio moderno, per competere ai massimi livelli europei e mondiali, necessita di investimenti e risorse che una singola famiglia non è più in grado di sostenere. Non potrò mai dimenticare le emozioni che il Milan ha saputo regalarmi e regalare a tutti noi. Non dimenticherò mai tutte le persone grazie alle quali ho avuto il privilegio di presiedere il Club che ha vinto così tanto. Prima di tutto, naturalmente, i grandi tecnici e i grandi campioni che hanno reso possibile queste imprese che rimarranno per sempre nella storia del calcio – continua il Cavaliere – Nominarli uno ad uno sarebbe impossibile: a tutti loro un grande abbraccio collettivo”.

  • Un fiume in piena di ricordi, un’amore senza fine, quello tra Berlusconi ed il Milan, nonostante il passaggio di consegne ai proprietari cinesi: “Rimarrò sempre il primo tifoso del Milan, la squadra che mio padre mi insegnò ad amare da bambino, il sogno che abbiamo realizzato insieme. Ai nuovi responsabili rivolgo l’augurio più cordiale e sentito di realizzare traguardi ancora più straordinari di quelli ottenuti da noi. A coloro che restano, ai giocatori, all’allenatore, ai collaboratori della società, a tutti i nostri tifosi rivolgo l’augurio più affettuoso di grandi successi, e a ciascuno di loro l’augurio di realizzare nello sport e nella vita tutti i progetti e i sogni che portano nella mente e nel cuore per sè e per le persone che amano”. E nel sabato di Pasqua, c’è già il derby, il primo tutto made in China!