Scienza e Tecnologia

Yahoo, 500 milioni di account rubati: ecco come comportarsi

Pubblicato il
  • Attacco a Yahoo, 500 milioni di account rubati. Cosa bisogna fare?

    Yahoo, 500 milioni di account rubati: ecco come comportarsi
    Yahoo, 500 milioni di account rubati: ecco come comportarsi, fonte foto: mashable.com

    Yahoo, 500 milioni di account rubati: ecco come comportarsi

    Yahoo ha dichiarato che gli hacker hanno rubato dati personali da 500 milioni di account degli utenti. La violazione è stata divulgata giovedi, ma risalirebbe alla fine del 2014.  Yahoo però, solo di recente ha scoperto l’attacco, dopo un’indagine interna. I dati rubati includono i nomi degli utenti, indirizzi email, numeri di telefono, date di nascita, password, domande e risposte di sicurezza, che vengono di solito utilizzate per identificare l’identità dell’utente. Il mese scorso erano circolate sul web notizie circa un hacker che avrebbe utilizzato il nome “Pace” e si vantava di aver avuto informazioni di account appartenenti a 200 milioni di utenti di Yahoo; questo hacker stava cercando di vendere i dati sul web. […]

  • Yahoo raccomanda agli utenti di cambiare le loro password se non l’hanno fatto dal 2014. La Sunnyvale, ha dichiarato che la sua indagine finora non ha trovato alcuna prova che le informazioni sui conti bancari degli utenti o delle carte di credito e di debito siano state utilizzate nell’attacco hacker. Cosa bisogna fare per difendersi dall’attacco? Yahoo ha effettuato le seguenti misure di sicurezza: ha invalidato le domande e risposte di sicurezza (quelle che vengono poste per la verifica i dati dell’utente). Poi  ha obbligato gli utenti interessati da questo tipo di attacco a cambiare la propria password di accesso; inoltre ha raccomandato di farlo anche a chi non l’avesse fatto dopo il 2014. Un ulteriore suggerimento sarebbe quello di usare l’autenticazione a due fattori per proteggere il proprio account. Per ulteriori informazioni vi invitiamo comunque a seguire le disposizioni Yahoo, consultando il sito ufficiale.

    A cura di Valerio Fioretti