Salute

Smartphone, una “dipendenza” tutta al femminile: donne avvisate!

Pubblicato il
  • Utilizzare troppo lo smartphone crea depressione. “Vittime” di questa “dipendenza” le donne!

    smartphone dipendenza donne
    Utilizzare troppo lo smartphone crea depressione. “Vittime” di questa “dipendenza” le donne! – foto:ansa

    Smartphone, una “dipendenza” tutta al femminile: donne avvisate! 

    Altro che rossetto, mascara e smalto, nella borsa, o meglio, tra le mani delle rappresentanti del gentil sesso, non manca mai lo smartphone. Donne, quindi, super hi-tech? Beh, in parte, perchè proprio questo stare sempre con la testa china sul proprio device, crea “dipendenza” ed a lungo andare anche depressione. E’ l’indagine effettuata da alcuni ricercatori di un’università americana. Stando ai dati raccolti, proprio le donne si rifugerebbero dietro lo schermo di un telefono cellulare per cercare sensazioni nuove, momenti di relax, diciamo per “evadere”, almeno virtualmente, dalla realtà di tutti i giorni. Cercherebbero “appagamento”, a tratti fugace, spulciando tra i vari aspetti emersi nella relazione in legami sociali, relazioni sentimentali o addirittura semplicemente consultando un’app o un video-tutorial.

  • Insomma, le donne mai senza smartphone! Ma questa dipendenza, a lungo andare, potrebbe anche peggiorare? Secondo i ricercatori, assolutamente si, diventando addirittura alla stregua di alcol e droga. Quelle più nell’occhio del ciclone, ovviamente sono le giovani, adolescenti o poco più, che tra social network e chat varie, sono sempre connesse… “Si può prevedere che la dipendenza aumenterà mano a mano che ci saranno avanzamenti, applicazioni, giochi e gadget”, evidenzia Isaac Vaghefi, tra gli autori dello studio dell’ateneo americano. Che continua: “Potrebbero essere ben quattro campanelli d’allarme facilmente intuibili: attenzione a utilizzare la tecnologia come un modo per sfuggire ai problemi o alleviare impotenza, senso di colpa, ansia o depressione. Occhio anche se si ignora ciò che accade realmente per il virtuale, se si controlla costantemente lo smartphone, anche quando non suona o vibra, e se si diventa paranoici quando non lo si ha dietro”.