Salute

Le Figaro lancia l’allarme: ‘In commercio integratori nocivi per l’apparato gastrointestinale’

Pubblicato il Pubblicato da Marco Antonio Tringali

Integratori dietetici: i rischi per la salute (Foto: Farmacia Tonolo di Susegana)
  • L’Accademia francese di farmacia ha puntato il dito contro gli integratori venduti online senza le dovute autorizzazioni

    Il quotidiano francese ‘Le Figaro’ ha richiamato l’attenzione dei consumatori sulla pericolosità di alcuni integratori alimentari, fortemente nocivi per la nostra salute. A evidenziare i rischi per la salute è stata l’Accademia francese di farmacia, che ha stigmatizzato gli effetti nocivi di una serie di prodotti lassativi in grado di produrre problemi anche gravi alla nostra salute. Tra queste, anche allergie o danni al fegato dalle conseguenze inimmaginabili. “Alcuni integratori alimentari sono pericolosi e dovrebbero essere vietati”.

    L’Accademia francese di farmacia ha puntato il dito contro l’Europa che mediante normative troppo permissive, consente a certi prodotti di essere posti in commercio nonostante siano assenti certificazioni scientifiche che ne decreterebbero la sicurezza. E sul tavolo degli imputati finiscono sono finite più di 500 specie di piante e diversi funghi la cui presenza viene tollerata negli integratori alimentari.

    Sotto accusa gli integratori a base di Aloe

    Fra i prodotti maggiormente nocivi ci sono quelli a base di succo di Aloe venduti anche in Italia, e importabili grazie a diversi siti online. Va premesso, a scanso di equivoci, che gli esperti non hanno puntato il dito su alcune aziende specifiche ma contro una ben identificata classe di integratori, ricavati da piante contenenti “glicosidi hydroxyanthracéniques” (succo di aloe, corteccia di olivello spinoso e cascara, radici di rabarbaro cinese, senna, cassia, spinoso).

  • I rischi per l’apparato gastrointestinale

    Essendo fortemente lassativi, i rischi di irritazioni serie al tratto digestivo sono molto alti causando una importante perdita di minerali. La richiesta degli esperti è quella di operare una cernita degli integratori autorizzati e controllati e che venga fatta una maggiore informazione sui rischi che si corrono assumendo integratori la cui innocuità non sia stata preventivamente accertata.

    Va anche specificato che più di 2.600 reazioni avverse sono state riportate fino alla fine del 2016, di cui il 37-52% dei casi sono stati valutati come gravi dagli esperti. Ecco perchè è sempre opportuno consultare i medici prima di assumere integratori che promettono effetti ‘miracolosi’ ma che invece rischiano di compromettere la nostra salute.

Marco Antonio Tringali

Scrivere e raccontare i fatti, i dilemmi e i cambiamenti della società sono il mio pane quotidiano. Sono esperto di economia ma seguo molto anche i vari temi di attualità e non di meno lo sport. Ho esperienza anche in materia di Salute, appassionato di letture che trattano tematiche come scienza dell'alimentazione e informazione scientifica. Come hobby suono la chitarra e ascolto tanta musica. Il rock è la mia religione, lo ritengo uno dei linguaggi universali dell'umanità.

Condividi: