Salute

Glicemia e consumo di pasta: ecco gli accorgimenti per abbassare il picco glicemico

Pubblicato il Pubblicato da Marco Antonio Tringali

Ecco i segreti per abbassare il picco glicemico mentre mangiamo la pasta

I trucchi per mangiare pasta senza aumentare picco glicemico (Foto: AbruzzoLive)
  • I trucchi per mangiare la pasta senza alzare troppo il picco glicemico

    Anche se con moderazione, chi soffre di diabete di tipo 2 può mangiare la pasta. Ciò che è di fondamentale importanza è che ci si rivolga ad uno specialista in grado di associare la dieta giusta al paziente. Ma per evitare eventi come gonfiore addominale o picchi di glicemia vanno adottati alcuni accorgimenti pratici molto semplici.

    Ad esempio scolare la pasta al dente e sciacquarla sotto l’acqua fredda. Se le cotture sono fatte in modo eccessivo tendono a far innalzare l’indice glicemico e a rendere gli amidi della pasta più facilmente assimilabili.

    Mangiare prima l’insalata può aiutare

    La mossa fondamentale è quella di aggredire e digerire facilmente i carboidrati per evitare che l’indice glicemico del cibo rimanga elevato. Se cuciniamo troppo la pasta il rischio è quello di vedere alzato il picco glicemico, mentre i cibi più duri da masticare rendono più difficile l’assorbimento di glucosio. Un altro stratagemma da adottare è quello mangiare prima l’insalata e poi la pasta all’inizio del pranzo o della cena al fine di tenere a bada i livelli di glicemia e dell’insulina dopo i pasti. Un rimedio non solo per chi soffre di diabete ma anche per chi vuole dimagrire. Anche l’olio d’oliva assunto dopo i pasti può abbassare i livelli di glicemia.

  • I benefici dell’olio di oliva

    I nutrizionisti infatti sono concordi nel ritenere che l’olio sia l’alimento per eccellenza della dieta mediterranea, un vero toccasana per il nostro benessere psicofisico. Fu uno studio elaborato dalla Società Italiana di Diabetologia (SID), e da Angela Rivellese dell’Università di Napoli ‘Federico II’,che sottolineò come l’olio di oliva possa abbassare i picchi di glicemia. Aggiungere olio d’oliva agli alimenti contribuisce ad abbassare l’indice glicemico proteggendo l’organismo da eventuali problemi di natura cardiovascolare. .

Marco Antonio Tringali

Scrivere e raccontare i fatti, i dilemmi e i cambiamenti della società sono il mio pane quotidiano. Sono esperto di economia ma seguo molto anche i vari temi di attualità e non di meno lo sport. Ho esperienza anche in materia di Salute, appassionato di letture che trattano tematiche come scienza dell'alimentazione e informazione scientifica. Come hobby suono la chitarra e ascolto tanta musica. Il rock è la mia religione, lo ritengo uno dei linguaggi universali dell'umanità.

Condividi: