Salute

Fotoallergia, ecco i sintomi e la cura per l’allergia al Sole

Pubblicato il Pubblicato da Marco Antonio Tringali

I sintomi e la cura della Fotoallergia chiamata anche Allergia al Sole: come diagnosticarla

Fotoallergia, sintomi e cure (Foto: Salute PourFemme)
  • Fotoallergia, ecco come si manifesta e in sintomi che scatena

    Tra le varie allergie che danno origine a manifestazioni cutanee spesso anche ben caratterizzate, c’è la Fotoallergia, scatenata da cause genetiche che dà luogo a reazioni della pelle spesso anche serie. Si tratta di una reazione del sistema immunitario all’esposizione prolungata ai raggi del sole, con una risposta anomala che si manifesta con prurito, orticaria ed eruzioni cutanee. Esistono vari tipi di fotallergia. Il primo tipo prende il nome di Dermatite polimorfa solare. E’ quella più comune tra le varie allergie al sole e colpisce in prevalenza le donne di giovane età. Meno nota la dermatite polimorfa solare ereditaria i cui sintomi sono già presenti fin dalla tenera età del soggetto ed è molto più caratterizzata da sintomi intensi e talvolta anche invalidanti.

    Esiste anche la dermatite fotoallergica che statisticamente si scatena solo dopo l’assunzione di alcuni farmaci che contengono determinate sostanze chimiche. In genere si scatena dopo l’assunzione del farmaco e la lunga esposizione ai raggi solari. E’ molto diffusa anche la cosiddetta orticaria solare che si manifesta con un intenso prurito dopo l’esposizione al sole prolungata.

    Ecco come si manifesta

    La medicina ancora non ha spiegato le ragioni che scatenano queste reazioni eccessive del nostro sistema immunitario, ma è chiaro che la genetica gioca un fattore decisivo. In genere chi soffre di questo disturbo, manifesta sintomi fastidiosi come il prurito, il rossore, le classiche vescicole e anche dolore intenso alla zona colpita.

  • I test per diagnosticare l’allergia al Sole

    Per sapere se soffriamo di fotoallergia, occorre sottoporsi ad un test di fotosensibilità, che prevede una esposizione di determinate zone della pelle ai raggi ultravioletti per valutarne la reazione. Si può anche ricorrere al photopatch test in cui la pelle viene posta a contatto con le sostanze sospette al fine di attivare la risposta del sistema immunitario. Esistono delle terapie per curare o prevenire l’insorgenza dei sintomi di questa fastidiosa allergia.

    In determinati casi, il medico può suggerire un ciclo di fototerapia mentre in altri casi sono sufficienti i classici antistaminici oppure l’uso di farmaci calcio-antagonisti. In tutti i casi, non appena compaiono i sintomi sopra indicati, è sempre opportuno consultare il proprio medico di fiducia che vi consiglierà una visita dermatologica.

Marco Antonio Tringali

Scrivere e raccontare i fatti, i dilemmi e i cambiamenti della società sono il mio pane quotidiano. Sono esperto di economia ma seguo molto anche i vari temi di attualità e non di meno lo sport. Ho esperienza anche in materia di Salute, appassionato di letture che trattano tematiche come scienza dell'alimentazione e informazione scientifica. Come hobby suono la chitarra e ascolto tanta musica. Il rock è la mia religione, lo ritengo uno dei linguaggi universali dell'umanità.

Condividi: