Salute

Dieta Fat Flush, il regime alimentare che impazza negli Usa: ecco come funziona

Pubblicato il Pubblicato da Marco Antonio Tringali

La dieta Fat Flush, ideata dal nutrizionista Ann Louise Gittleman, sta riscontrando grande successo negli USA

Dieta Fat FlushDieta di marzo, come perdere peso rapidamente (Foto: Starbene.it)
  • La dieta Fat Flush ideata dalla nutrizionista Ann Louise Gittleman

    La dieta Fat Flush è il regime alimentare molto in voga negli Usa, ma anche oltre Manica, per i suoi risultati immediati e sconvolgenti. A idearla è stata la nutrizionista Ann Louise Gittleman. Si tratta di una strategia mirata a dimagrire che combina la perdita di peso e la disintossicazione in un regime alimentare a basso contenuto di carboidrati e a ridotto contenuto calorico.
    Gittleman, dopo anni in servizio presso il Pritikin Longevity Center, basato a Miami, in Florida, ha sperimentato questa dieta dopo aver osservato molti dei suoi clienti che avevano seguito alcune diete che non avevano dato i risultati sperati e per questo erano molto stressati. Per questa ragione ha creato la dieta “fat flush” (che letteralmente significa risciacquo di liquidi) e l’ha pubblicata in un suo manoscritto edito nel 1988 “Beyond Pritikin”. Ma su quali principi si basa questo regime alimentare?

    Come funziona la dieta

    Gittleman parte dalla premessa che il nostro fegato sia una “fornace brucia-grassi” e che solo una corretta combinazione di alimenti possa accelerare il metabolismo inducendo il nostro organismo a bruciare i grassi efficacemente. Per farlo, questa enorme ghiandola che è il fegato deve essere depurata per un funzionare in modo ottimale. La dieta Fat Flush è strutturata in tre fasi e prevede anche dell’esercizio fisico, differenziato a seconda delle fasi.

  • Il regime alimentare per purificare il fegato

    Seguendola correttamente si può purificare il fegato che quindi potrà lavorare meglio nella sua opera di scioglimento del grasso e della cellulite, localizzato nella vita e nel bacino. Stabilizzando il nostro metabolismo si riesce anche a stabilizzare l’umore favorendo un sonno migliore, così come una “veloce perdita di peso” durante la fase iniziale di due settimane, con conseguente mantenimento in seguito. Non tutti gli studiosi però sono d’accordo con i principi di Gittleman, in quanto non esistono prove scientifiche del fatto che la disintossicazione del fegato comporti perdita di peso. Ecco perchè prima di iniziarla occorre sempre chiedere l’opinione del proprio medico di fiducia.

Marco Antonio Tringali

Scrivere e raccontare i fatti, i dilemmi e i cambiamenti della società sono il mio pane quotidiano. Sono esperto di economia ma seguo molto anche i vari temi di attualità e non di meno lo sport. Ho esperienza anche in materia di Salute, appassionato di letture che trattano tematiche come scienza dell'alimentazione e informazione scientifica. Come hobby suono la chitarra e ascolto tanta musica. Il rock è la mia religione, lo ritengo uno dei linguaggi universali dell'umanità.

Condividi: