Salute

Allergie da polline? Ecco i consigli degli esperti

Pubblicato il
  • “Maledetta Primavera” con tutto il polline che c’è nell’aria? Prevenire le allergie con qualche consiglio del Ministero della Salute

    allergie polline
    “Maledetta Primavera” con tutto il polline che c’è nell’aria? Prevenire le allergie con qualche consiglio del Ministero della Salute – foto: tgcom24

    Allergie da polline? Ecco i consigli degli esperti

    La primavera oltre che le belle giornate dal clima mite, purtroppo, ci fa fare i conti anche con le allergie a causa del tantissimo polline che circola nell’aria, anche se, recenti studi, hanno detto che, in realtà, lo possiamo trovare in giro un po’ in tutte le stagioni. Ma come prevenire starnuti, lacrime, tosse e asma? Beh, ci sarebbero dei consigli pratici da seguire, una sorta di vademecum per star bene, stilato e pubblicato proprio dal Ministero della Salute. Lo riportiamo integralmente di seguito, sperando di farvi cosa gradita:

    1. Consultare un medico – Secondo il ministero, la prima cosa è rivolgersi al medico curante o allo specialista per una diagnosi corretta, in modo da identificare l’allergene a cui si è sensibilizzati e organizzare un programma terapeutico prima dell’inizio della stagione pollinica.

    2. Tutti al mare – Sempre come prevenzione, se possibile, è utile fare brevi soggiorni nel periodo della pollinazione al mare visto che lì la concentrazione dei pollini nell’aria è relativamente bassa.

    3. Calendario del polline – Come precauzioni generali è bene consultare i calendari pollinici, per conoscere il periodo di fioritura delle piante causa dell’allergia, o i bollettini dei pollini per conoscere i pollini presenti nell’aria.

  • Continuiamo con il promemoria da seguire per tenere a bada le allergie da polline tipiche della stagione primaverile:

    4. Occhio all’orario – Bisogna evitare di uscire nelle ore di maggiore concentrazione pollinica, preferendo la mattina presto o la tarda serata, non fare gite in campagna, soprattutto se c’è vento, e non passeggiare nei prati dove è stata tagliata di recente l’erba.

    5. Viaggi e lavaggi di capelli – Se si viaggia in macchina o in treno, no ai finestrini aperti, meglio usare l’aria condizionata, con filtri di aerazione anti-polline. Vanno evitate le attività all’aperto nelle ore centrali della giornata, soprattutto quando c’è sole e vento, così come le strade trafficate e le aree verdi, ed è utile lavarsi con più frequenza i capelli.

    6. Temporali e finestre – Bisogna infine fare attenzione ai temporali e tenere chiuse le finestre nelle ore centrali della giornata.