Politica

Russiagate: in cambio dell’immunità, Flynn pronto a testimoniare

Pubblicato il
  • Russiagate: l’ex consigliere per la sicurezza è pronto a parlare dei suoi contatti con l’ambasciatore russo, ma in cambio vuole l’immunità

    Russiagate, Flynn pronto a testimoniare
    Michael Flynn pronto a testimoniare in cambio dell’immunità – Foto Buzzworthy

    Russiagate: in cambio dell’immunità, Flynn, pronto a testimoniare

    Flynn, ex consigliere per la sicurezza nazionale è pronto a testimoniare, ma solo in cambio dell’immunità. Questo è quanto riportato dal Wall Street Journal.

    Queste le parole del suo legale, Robert Kelner: “Il generale Flynn ha sicuramente una storia da raccontare e ha molta voglia di raccontarla, se le condizioni lo permetteranno. Nessuna persona ragionevole si sottoporrebbe a domande in un contesto così fortemente politicizzato e di caccia alle streghe, rischiando un’ingiusta azione penale”, ha dichiarato in una nota l’avvocato di Flynn, Robert Kelner.

    Flynn, è stato costretto a dimettersi dal suo incarico, dopo soli 24 giorni, per via dei suoi contatti con l’ambasciatore russo a Washington.

  • In pratica, da quanto è emerso, Flynn aveva mentito al vice presidente Mike Pence sui contatti che aveva avuto con Sergei Kislyak, l’ambasciatore russo, con il quale aveva discusso, quando ancora era semplicemente un cittadino privato, delle sanzioni americane contro Mosca.

    Altri tre ex collaboratori di Donald Trump hanno fatto sapere tramite i loro legali che testimonieranno sul caso, ma senza la promessa di immunità. Ma il presidente della commissione Intelligence della Camera dei Rappresentanti, Devin Nunes  ha fatto sapere, tramite un suo portavoce, di non aver ricevuto da Flynn nessuna richiesta di immunità.