Politica

Elezioni USA 2016, Due donne accusano Trump di molestie

Pubblicato il
  • Il New York Times intervista due donne che accusano apertamente Donald Trump di molestie. Rischia grosso il candidato repubblicano appena reduce dallo scontro televisivo con la Clinton in cui si è dovuto difendere dalle frasi sessiste del video del 2005

     

    Due donneintervistate dal new york timese accusano TRump di molestie - foto donaldtrump.com
    Due donne intervistate dal new york times accusano Trump di molestie – foto donaldtrump.com

    Elezioni USA 2016, Due donne accusano Trump di molestie

    Nuovi guai per Donald Trump. Il New York Times ha intervistato due donne che accusano di molestie il candidato repubblica per la corsa alla Casa Bianca.  Jessica Leed, oggi 74enne, racconta di un episodio avvenuto trenta anni fa quando lei, donna in carriera che in viaggiava business class, durante un volo subì le volgari avances di Trump.”Era come un polipo, le sue mani erano dappertutto”, ha dichiarato Jessica al Times. L’altro episodio si riferisce al 2005 ed è testimoniato da, Rachel Crooks  dell’Ohio.  La donna racconta  di aver incontrato Trump una mattina di quell’anno  fuori da un ascensore. A quel punto il tycoon repubblicano l’avrebbe baciata sulla bocca.  La Crooks  non denunciò la molestia per paura di ripercussioni. “È stato così inappropriato… ero talmente sconvolta che ho pensato di essere così insignificante da poterglielo permettere”, queste le dichiarazioni riportate dal quotidiano statunitense.

  • Trump nega tutto e minaccia azioni legali.  Il candidato repubblicano pochi giorni fa aveva dovuto difendersi dalle accuse sessiste  piovutegli addosso dopo la comparsa  del il video del 2005 che lo immortalava  mentre  pronunciava volgari frasi contro le donne. Durante il secondo round televisivo, che lo vedeva fronteggiarsi contro Hillay Clinton, il candidato repubblicano aveva bollato le frasi del video come “chiacchiere da spogliatoio”, scusandosi pubblicamente con le donne americane. Il tema sessista è molto avvertito negli Stati Uniti. Qualsiasi candidato che voglia concorrere alla casa bianca deve apparire come un perfetto uomo di famiglia, rispettoso della moglie e protettivo con i figli. Variazioni sul tema potrebbero avere esiti disastrosi alle urne. Le accuse che piovono su Trump  potrebbero farne un candidato perdente in partenza. Il partito repubblicano è sempre più spaccato sul giudizio sul tycoon.