Italia

Terremoto Parma M 3.3: scossa avvertita in tre regioni

Pubblicato il
  • Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata alle 04:15 nel sudovest della provincia di Parma

    2351534_0739_terremoto_parma_31032017
    Terremoto Parma M 3.3: scossa avvertita in tre regioni

    Terremoto Parma M 3.3: scossa avvertita in tre regioni – Venti secondi, tanto è durata la scossa tellurica che stanotte ha fatto tremare tre regioni del centro nord ( Emilia Romagna, Toscana e Liguria). Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata alle 04:15 nel sudovest della provincia di Parma, vicino al confine con la Toscana e la Liguria. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 5 km di profondità ed epicentro 2 km da Albareto (Parma) e 13 da Zeri (Massa Carrara) e da Varese Ligure (La Spezia). Il sisma, di magnitudo 3,3 della scala Richter, è stato percepito distintamente dalla popolazione con telefonate alla protezione civile e ai vigili del fuoco, che però, al momento non hanno rilevato danni a cose o a persone.

  • Solo nei prossimi giorni sarà possibile tracciare un bilancio più dettagliato di eventuali danni causati a edifici.  Una scossa che ha riportato alla memoria terremoti più intensi, avvenuti, fortunatamente in periodi lontani, ma soprattutto la sismicità della nostra zona. L’Appennino «scricchiola», il «gigante» della natura dopo un periodo di quiescenza si sta lentamente risvegliando. Prima nell’Italia Centrale e poi man mano nella Lunigiana e ora nella Pianura Padana. La sismicità è il chiaro sintomo di una «Catena» giovane che, nonostante la parte esposta, prosegue anche sotto il «materasso» alluvionale, nascosta dai sedimenti accatastati nel tempo, con spessori variabili.

  • Il terremoto di stamattina ha riportato alla memoria terremoti più intensi, avvenuti, fortunatamente in periodi lontani. Testimoni nel tempo dell’avvicinamento di Alpi e Appennini, che in profondità si trasforma in uno sforzo di caricamento di faglie situate sia al piede delle Alpi Meridionali, sia dell’Appennino Settentrionale.