Italia

Roma, Virginia Raggi si oppone alla marcia di Forza Nuova

Pubblicato il
  • Forza Nuova organizza una marcia a Roma il 28 ottobre, numerose reazioni dalla sinistra. La sindaca Raggi si oppone

    Roma, tweet di Virginia Raggi contro il corteo di Forza Nuova
    Virginia Raggi twitta contro la marcia di Forza Roma a Nuova – Foto Lineadiretta24

    Roma, Virginia Raggi si oppone alla marcia di Forza Nuova – Sono numerose le reazioni, da parte della politica romana e nazionale, al corteo organizzato da Forza Nuova a Roma il prossimo 28 ottobre 2017. Il motivo è presto spiegato: la manifestazione è stata infatti definita “marcia” dallo stesso movimento politico di estrema destra e si terrà esattamente 95 anni dopo la ben più famosa Marcia su Roma, quella organizzata il 28 ottobre 1922 dal Partito Nazionale Fascista. “Roma ospiterà la grande marcia Forzanovista contro un governo illegittimo, per dire definitivamente no allo Ius Soli e per fermare violenze e stupri da parte degli immigrati che hanno preso d’assalto la nostra Patria”, si legge sulla pagina Facebook di Forza Nuova.

    Immediate le repliche, a partire dagli esponenti PD. Queste le parole di Emanuele Fiano, promotore del ddl sull’apologia di fascismo che ha presentato un’interrogazione urgente sottoscritta da 45 parlamentari dem per chiedere quali iniziative il ministro dell’Interno intenda adottare per impedire che l’iniziativa si possa svolgere. Così, invece, Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio: “La marcia su Roma fu una tragedia. Rifarla oggi sarebbe, oltre che un insulto, una farsa ridicola”. Marco Miccoli, deputato PD, chiederà al ministro dell’interno di vietare il corteo. Anche Sinistra Italiana, Possibile, MDP e PRC hanno rilasciato dichiarazioni contro la marcia di Forza Nuova.

  • In particolare, molto dura la reazione di Pippo Civati, deputato e segretario di Possibile: “Quella manifestazione non può svolgersi, a meno che non si accetti, nel disinteresse complice e nella inammissibile equidistanza delle istituzioni preposte alla tutela della sicurezza e dell’ordine pubblico, di violare la Costituzione, la legge Scelba e la legge Mancino. Chiediamo al ministro dell’Interno, anche attraverso la prefettura e questura di Roma, di vietare la marcia e di avviare la procedura di scioglimento di Forza Nuova”.

  • In serata, dopo il lungo silenzio, è arrivata anche la reazione di Virginia Raggi. La sindaca di Roma ha affidato a un tweet le sue dichiarazioni: “La #MarciaSuRoma non può e non deve ripetersi”. Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, ha così replicato a chi lo accusa di organizzare una manifestazione fascista: “È una manifestazione patriottica, non filo-fascista o nostalgica. Vogliamo sfilare nel centro di Roma, il ministero dell’Interno sbaglierebbe a vietarla. La marcia non è contro Minniti ma contro Soros”, accusato di finanziare quelle Ong che, non rispettando le leggi, portano gli immigrati clandestini in Italia.