Italia

Roma, rissa tra residenti e migranti: ferito un eritreo

Pubblicato il
  • Rissa all’esterno del centro d’accoglienza di via del Frantoio la scorsa notte: ferito un eritreo, la procura di Roma indaga per lesioni gravi. Diverse versioni sulla dinamica

    Roma, eritreo ferito dopo una rissa all'esterno di un centro d'accoglienza
    Rissa tra migranti e residenti all’esterno di un centro d’accoglienza di Roma

    Roma, rissa tra residenti e migranti: ferito un eritreo – Notte di tensioni, quella di ieri, a Roma, nel centro di accoglienza di via del Frantoio. Un eritreo è infatti stato accoltellato a un rene (fuori pericolo) nel corso di una rissa che ha visto coinvolti numerosi residenti del quartiere Tiburtino III. La procura di Roma ha già aperto un’inchiesta e indaga per lesioni grave: a breve verrà designato un interprete per ascoltare l’uomo, attualmente ricoverato e in osservazione per 48 ore: i medici dell’ospedale Pertini fanno sapere che l’uomo presentava una lieve ferita da taglio sotto lo scapolare destro.

    La rissa sarebbe scattata in seguito a un lancio di sassi da parte del migrante verso alcuni ragazzi che si ritrovavano vicino al centro d’accoglienza dal quale l’eritreo era stato espulso a causa del suo carattere problematico. I ragazzi avrebbero quindi avvertito i parenti, che sarebbero giunti in massa e avrebbero fatto scattare la rissa. Sulla dinamica dei fatti, però, ci sono versioni differenti.

  • Una donna, si legge su Repubblica.it, ha infatti raccontato di essere stata sequestrata per un’ora insieme al nipote di 12 anni, trascinata all’interno del centro per due volte e colpita. La ricostruzione è stata parzialmente smentita dai volontari della Cri, secondo cui nessuno sarebbe entrato all’interno del centro. Un altro residente ha invece fatto sapere di essere stato accerchiato da 40 persone mentre cercava di liberare la donna. Un ragazzo originario del Gambia, uscendo dal centro di accoglienza, ha raccontato di conoscere l’eritreo ferito perché prima viveva nel centro d’accoglienza: “È una brava persona”.

  • Il gruppo di migranti ex occupanti del palazzo di via Curtatone sgomberato 10 giorni fa, intanto, ha trascorso la quarta notte nei giardini vicino ai Fori Imperiali, alle spalle della Prefettura di Roma. Oggi la riunione di un Tavolo interistituzionale proprio in Prefettura con Comune e Regione per discutere dell’emergenza abitativa nella Capitale.