Italia

Napoli: la Finanza ritrova due quadri di Van Gogh, erano nelle mani della camorra

Pubblicato il
  • Operazione della Guardia di Finanza, a caccia del traffico di cocaina trovano due quadri di Van Gogh di inestimabile valore in mano alla camorra.

    Napoli: la Finanza ritrova due quadri di Van Gogh, erano nelle mani della camorra
    Napoli: la Finanza ritrova due quadri di Van Gogh, erano nelle mani della camorra – foto www.holland.com

    Napoli: la Finanza ritrova due quadri di Van Gogh, erano nelle mani della camorra

    Grande operazione della Finanza che, con un pizzico di fortuna, e molta perseveranza, ha recuperato due quadri di Van Gogh dal valore inestimabile. Il tutto è nato da una lunga operazione atta alla caccia al traffico di droga delle cosce camorristiche del napoletano. Tra i beni ritrovati dalla Guardia di Finanza nel sequestro patrimoniale di diverse decine di milioni di euro appartenenti a un’associazione camorristica dedita al traffico internazionale di cocaina. Si tratta delle due tele “La spiaggia di Scheveningen durante un temporale” e “Una congregazione lascia la chiesa riformata di Nuenen”. Alla scoperta dei due capolavori si è arrivati grazie alle dichiarazioni di un indagato che ha illustrato, nell’ambito di un’inchiesta sulle attività di narcotraffico del clan camorristico degli Amato-Pagano, i beni nei quali erano stati investiti i proventi dell’ attività illecita. I due capolavori erano stati rubati dal clan in seguito all’incasso fatto dopo un importante colpo, ed erano stati tenuti ben conservati in un casolare.

  • I furto dei due capolavori risalita al 2002, precisamente il 7 dicembre al museo di Amsterdam dove erano conservati per l’appunto i quadri del pittore olandese. Le due tele sono state ritrovate dalla Guardia di Finanza in un locale di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, nel corso di un’attività investigativa per il contrasto alla camorra. Secondo fonti investigative si stima che le due tele valgano 100 milioni di dollari. Rientravano tra le opere d’arte più ricercate al mondo, inserite dall’Fbi tra le ‘Top ten art crimes’. L’autenticità dei due capolavori è stata certificata da esperti e confermata anche dagli esperti del museo Van Gogh di Amsterdam a seguito di verifiche. Grande felicità espressa da parte del direttore del museo olandese il quale ha ringraziato le forze dell’ordine italiane per il ritrovamento. Soddisfazione anche da parte di Renzi e Franceschini.

    A cura di Daniele Magliuolo