Italia

Milano, a fuoco deposito rifiuti Bruzzano: odore soffocante in tutta la città

Pubblicato il Pubblicato da notwebadmin
  • Anche Milano brucia: in fiamme deposito di stoccaggio rifiuti a Bruzzano: nuvole di fumo ed odore acre in tutto l’hinterland

    milano incendio deposito bruzzano
    Anche Milano brucia: in fiamme deposito di stoccaggio rifiuti a Bruzzano: nuvole di fumo ed odore acre in tutto l’hinterland (foto: corriere.it)

    Milano, a fuoco deposito rifiuti Bruzzano: odore soffocante in tutta la città

    L’odore acre del fumo soffoca, da lunedì sera, tutta la periferia nord e l’hinterland di Milano, a causa di un grosso incendio che si è sviluppato intorno alle 20 in un deposito di rifiuti industriali, nella zona di Bruzzano. La densa nube nera è visibile anche a molta distanza. Su Twitter i milanesi martedì mattina hanno ripreso a scambiarsi messaggi preoccupati: «A Milano non si respira». «C’è un aroma di plastica bruciata in Duomo che è il massimo della vita». «Anche in Città Studi odore di bruciato». Una quindicina di squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato per tutta la notte e nella mattinata di martedì per spegnere le fiamme, scaturite all’interno del deposito in via Senigallia. Nessun ferito, stando a quanto riportato dall’edizione online di Corriere.it, ma per precauzione gli abitanti di un vicino palazzo sono stati evacuati.

  • Sul posto anche il nucleo Nbcr (nucleare – biologico – chimico – radiologico) dei vigili del fuoco, per scongiurare la possibilità dello sviluppo di sostanze pericolose e soprattutto di diossine, oltre a 118, Protezione civile e polizia locale. Lunedì sera sono arrivati anche l’assessore all’Urbanistica Raffaele Todaro e il presidente del Municipio 9 Giuseppe Lardieri. L’assessore all’Ambiente Marco Granelli su Facebook consiglia: «Sentiti VVFF ARPA e ATS si consiglia alla popolazione a titolo precauzionale di tenere le finestre chiuse e limitare a stretto indispensabile la permanenza in esterno nelle vicinanze fino a completo spegnimento». A quanto riferito dal comandante del nucleo Nbcr, intorno alle 11 del mattino la situazione era sotto controllo. I vigili del fuoco hanno avuto forti difficoltà per tre motivi principali dopo l’incendio di Bruzzano alle porte di Milano: il tipo di materiale stoccato nel deposito, il collasso di una parte della struttura e la scarsa pressione dell’acqua nelle condutture della zona.

  • Secondo quanto si è appreso, i danni dopo l’incendio avvenuto nel deposito di rifiuti sito in Bruzzano (Milano), sono ingenti. Una parte del tetto è crollata, e anche un’altra zona della struttura sarebbe pericolante. «Al momento la situazione è sotto controllo – spiegano i vigili del fuoco – e non abbiamo ravvisato pericoli immediati per la salute pubblica. Ora la competenza sulla salubrità dell’aria passa all’Arpa per valutare la ricaduta di sostanze inquinanti». L’Arpa ha predisposto tra l’una e le due di notte campionamenti ad alto volume per valutare la qualità dell’aria: i sensori al momento non hanno rilevato la presenza di sostanze pericolose, altri dati saranno resi noti a breve. «L’incendio è in via di risoluzione, al momento i vigili del fuoco sono al lavoro per lo smazzamento del materiale rimasto», spiegano dall’Arpa.

Condividi: