Esteri

Usa vs Cristoforo Colombo, vandalismo contro le statue

Pubblicato il
  • Guerra negli Gli Stati Uniti contro Cristoforo Colombo, atti di vandalismo in tutto il paese. L’Italia protesta.

    Usa vs Cristoforo Colombo, vandalismo contro le statue

    Usa vs Cristoforo Colombo, vandalismo contro le statue

    Sta diventando più seria del previsto la vicenda del vandalismo negli Usa contro la figura di Cristoforo Colombo. Non solo un episodio isolato, ma una vera e propria catena di eventi che è arrivata fino alla decapitazione di una statua del navigatore italiano a New York. Il Columbus Day, in programma il 12 ottobre, ha scatenato l’ira di coloro che considerano Colombo uno sterminatore di nativi americani. Cancellata la ricorrenza, al suo posto ci sarà infatti Indigenous and Native People Day, festa degli indiani d’America. Il rischio però è che ora si crei una profonda frattura tra la comunità italo-americana e il resto del paese. Farnesina che segue da vicino la vicenda e le città di Genova e Savona che difendono la figura di Colombo definita “simbolo per gli italiani in America e patrimonio dell’umanità”.

  • Gli episodi di vandalismo oramai non si contano. Il più clamoroso in un parco di Yonkres, sobborgo a nord di New York, dove un busto in bronzo del navigatore più famoso della storia è stato letteralmente decapitato. Poche ore dopo, sempre a New York, nel Queens, un’altra statua che commemora Cristoforo Colombo è stata riempita di scritte: “Non si può celebrare il genocidio. Buttiamola giù”, si legge con riferimento allo sterminio dei nativi americani. Nei giorni scorsi ad essere presa di mira in un parco di Houston era stato un monumento a Colombo imbrattato di vernice color rosso sangue.