Esteri

Notre-Dame, il rogo si poteva evitare?

Pubblicato il Pubblicato da Valerio Fioretti

L'indendio alla cattedrale di Notre-Dame era evitabile?

Notre-Dame, il rogo si poteva evitare?, foto: GdS
  • L’incendio di Notre Dame era evitabile?

    Julien Le Bras e la sua società di famiglia avevano ottenuto l’appalto per costruire i ponteggi del restauro della guglia di Notre Dame. Dodici operai  e Julien csono stati tra i primi ad essere ascoltati dagli inquirenti per stabilire come Notre Dame possa essere andata a fuoco. Le Bras ha dichiarato che non c’era nessun operaio quando è scoppiato l’incendio e sono state rispettate le procedure di sicurezza. Si augura che sia fatta luce sulle cause di quanto accaduto. L’azienda è già intervenuta nel restauro di cattedrali a Reims, Strasburgo, Amiens ed anche al Pantheon di Parigi. Il procuratore di Parigi Rémy Heiz pensa sia stato un incidente ed è cominciato al livello del cantiere di restauro. Cinque imprese stavano intervenendo nel progetto di restauro.

    Il fuoco avrebbe covato a lungo

    Il fuoco prima di esplodere potrebbe aver covato anche per ore, come dice una fonte vicina all’inchiesta. Un sistema di allarme più efficace avrebbe potuto prevenire la tragedia. Un primo allarme è scattato alle ore 18:20. E’ partito il fischio dell’allerta antincendio ed i turisti hanno cominciato ad essere evacuati. Un sacerdote stava celebrando una messa in una cappella laterale. Il secondo allarmeè arrivato alle 18:43 e  le fiamme già si vedevano sopra il tetto. Escludono un incendio volontario gli inquirenti.

  • L’ipotesi più probabile

    L’ipotesi che sembra più probabile, anche se non è stata confermata da nessuno, si riferisce ad un problema nato al livello della saldatura di un ponteggio  ad una trave di legno. Anche lo stato degli ascensori è da verificare, visto che ne erano stati allestiti due per consentire agli operai di arrivare fino ai 97 metri della guglia. E’ stato interrogato anche tutto il personale della sicurezza. Trenta i testimoni ascoltati, ha precisato la procura. L’obiettivo è capire cosa sia accaduto e stabilire eventuali responsabilità o mancamenti. La squadra speciale dei pompieri si dedica alla ricerca delle cause. I tecnici del laboratorio centrale della prefettura hanno già effettuato i primi prelievi per determinare l’origine delle fiamme. A causa della pericolosità della struttura gli inquirenti hanno previsto di utilizzare dei droni. Si stanno esaminando anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza

    (Fonte: Il Messaggero)

Valerio Fioretti

Sono un meteorologo e scrivo da qualche anno notizie sul web. Salute e attualità sono argomenti di cui sono esperto. Competente nel campo dello sport e del calcio, è molto difficile che possa perdermi una partita! Amo praticare sport, viaggiare, andare a correre ed ascoltare della buona musica..

Condividi:

Altri articoli che ti potrebbero interessare...