Esteri

Gilet gialli, tensione a Parigi: attivisti scacciati con lacrimogeni e idranti

Pubblicato il Pubblicato da Biagio Romano
  • Francia, gli attivisti transalpini colpiti a Parigi dagli idranti della polizia: clima sempre più teso

    gilet gialli
    Gilet gialli-polizia: alta tensione a Parigi – Foto L’Indro

    Gilet gialli-polizia: tensione durante la manifestazione a Parigi

    Nuovo episodio di tensione in Francia tra gilet gialli e polizia: durante una manifestazione tenutasi a Parigi sabato 15 dicembre 2018, gli attivisti più chiacchierati del momento sono stati allontanati dalla polizia, in zona Champs-Elysées, con l’intervento degli idranti. A riportarlo è il sito TgCom 24. Un fatto che ha alzato ancor di più il livello di astio tra le parti, con i gilet gialli scesi in piazza in oltre 2000 per l’ennesimo sit-in di protesta nei confronti del governo e le forze dell’ordine che, per evitare ulteriori disordini e disperdere la folla di protestanti, hanno ricorso all’intervento di getti d’acqua e lacrimogeni. Prima dell’utilizzo degli idranti, infatti, la polizia francese ha effettuato delle perquisizioni tra i gilet gialli e sequestrato decine di pietre e fionde.

    Sit in dei gilet gialli: due morti

    Le proteste dei gilet gialli, intanto, hanno generato altre vittime nelle scorse ore: come riporta TgCom24, sempre sabato 15/12 una donna a bordo di una moto ha perso la vita sulla strada National 2 a causa di un blocco stradale dei gilet. Alla vista dell’interruzione di strada, il conducente della moto ha tentato un’inversione di marcia, venendo però dall’arrivo di un’altra automobile. La donna, che era seduta sul sedile posteriore, è morta sul colpo. E poche ore dopo, in località Erquelinnes, un altro automobilista è rimasto coinvolto in un incidente con un camion che lo precedeva ed è morto: il camionista ha frenato improvvisamente alla vista dell’ennesimo blocco stradale dei gilet gialli, mentre l’automobilista non è riuscito ad evitare il tremendo impatto.

  • Attentato di Strasburgo, Antonio Megalizzi non ce l’ha fatta

    Antonio Megalizzi, il giornalista radiofonico trentino di 28 anni colpito alla testa da un proiettile nell’attentato di Strasburgo, è morto. A riportarlo è La Repubblica. Il ragazzo era in coma farmacologico e i medici si erano presi 48 ore per valutare le sue condizioni, che però erano state giudicate irreversibili.

    Strasburgo, ucciso l’attentatore Chériff Chekatt

    Due persone sono morte nella serata di martedì, colpite direttamente dall’attentatore. Una terza, si legge sul Corriere della Sera, è deceduta giovedì. Ieri la quarta vittima. Una quinta persona, invece, resta in stato di morte cerebrale. Nella serata di venerdì è stato ucciso Cherif Chekatt, l’attentatore, dalla polizia.

Biagio Romano

Da ormai 10 anni scrivo sul web: quella che era solo una passione si è trasformato nel mio lavoro. Mi affascinano le varie dinamiche del mondo dell’informazione. Provo a seguire con interesse numerosi temi, anche se la tv è il mio pane quotidiano (tra reality e talent show, programmi vari e gossip). Esperto di tecnologia, mi appassionano particolarmente anche scienza e natura.

Condividi: