Esteri

Francia, nuovo attacco contro istituto di religiosi. Uccisa una donna, il killer è in fuga

Pubblicato il
  • Francia, un uomo armato di fucile penetra all’interno di una casa di riposo per religiosi missionari. Uccide la custode ed ora è in fuga

    Francia, nuovo attacco contro istituto di religiosi. Uccisa una donna, il killer è in fuga. foto rsi.ch
    Francia, nuovo attacco contro istituto di religiosi. Uccisa una donna, il killer è in fuga. foto rsi.ch

    Francia, nuovo attacco contro istituto di religiosi. Uccisa una donna, il killer è in fuga

    Un nuovo attacco contro un istituto di religiosi si è verificato in Francia nella tarda serata di ieri. E’ accaduto a Montferrier sur Lez, vicino a Mentpellier. Secondo la ricostruzione degli inquirenti un uomo incappucciato ed armato con un fucile a canne mozze, è penetrato all’interno della casa di riposo per missionari “Le querce verdi” dove erano ospitati una settantina di religiosi. L’assalitore ha imbavagliato ed ucciso a coltellate la custode del centro. Il portavoce della diocesi di Montpellier, Wayne Bodkin,  dichiara ai media che: “È uno choc, non sappiamo perché un tale dramma, non abbiamo alcuna idea del motivo dell’intrusione in questa casa di riposto di religiosi che accoglie degli ex missionari in Africa. È un posto di campagna, un posto molto tranquillo”.  Rimane alta la tensione in Francia dopo gli ultimi avvenimenti legati al terrorismo anche se nell’assalto di ieri resta ancora da chiarire il movente.

  • La casa di cura dipende dalla Società delle Missioni Africane, una congregazione missionaria  dal vescovo Marion Bresillac nelle metà del XIX secolo. Si escluderebbe la pista terroristica. Nonostante il rapido intervento delle forze di polizia l’assalitore è riuscito a fuggire ed è ora ricercato in tutto il Paese. Nella ricerca dell’uomo sono impiegate più di cento agenti oltre ad elicotteri ed unità cinofile. La Francia segue con molta apprensione la vicenda. Nel Luglio scorso due uomini avevano assaltato la chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray e sgozzato l’anziano parroco, Jacques Hamel, 86 anni. L’attacco era stato subito rivendicato dall’Isis. Inoltre poche ora fa era scattata l’operazione antiterroristica che aveva catturato sette persone accusate di progettare un attentato in grande stile in Francia per il 1 Dicembre.