Esteri

Brexit, no della Camera dei comuni al piano May. Stasera si vota la fiducia

Pubblicato il Pubblicato da Biagio Romano
  • Brexit, c’è il no della Camera dei comuni al piano May. Stasera si vota la fiducia, secondo i media britannici non dovrebbe passare la sfiducia.

    Brexit, no al piano May
    Brexit, no al piano May, foto: Daily Express

    Secondo i media britannici non dovrebbe passare la sfiducia

    Alle ore 14 italiane inizierà il dibattito alla Camera dei Comuni per discutere la mozione di sfiducia nei confronti del governo che è stata presentata dal leader laburista Jeremy Corbyn. Il voto finale è previsto intorno alle ore 20 italiane. Secondo i media britannici, la premier May dovrebbe andare avanti.

    Brexit, no al piano May

    Si riapre la partita della Brexit: l’accordo sul divorzio dall’Ue raggiunto con Bruxelles a novembre dalla premier tory, Theresa May, è stato bocciato ieri sera dalla Camera dei Comuni britannica. Solo 202 i voti a favore, mentre sono stati 432 quelli contrari. La premier ha detto che il no all’accordo è chiaro, ma che non sono emerse chiaramente altre proposte sul tavolo. Il leader laburista Jeremy Corbyn ha presentato una mozione di sfiducia al governo, che sarà discussa oggi. Il governo irlandese invece intensifica i preparativi per una Brexit senza accordo. Lo ha reso noto Dublino dopo la bocciatura da parte della Camera dei Comuni dell’intesa raggiunta dalla premier britannica, Theresa May.

    La reazione di Junker

    Questa la reazione di Junker la voto di ieri sera, riportata da Rainews: “Con rammarico prendo nota del risultato del voto, ma da parte Ue il processo di ratifica dell’accordo di recesso prosegue. Il rischio di un’uscita disordinata è aumentato con il voto di stasera. Mentre non vogliamo che accada, la Commissione proseguirà il suo lavoro per assicurare che l’Ue sia pie- namente preparata. Chiedo al Regno Unito di chiarire le sue intenzioni prima possibile. Ci siamo quasi”.

  • I 5 scenari possibili

    Sono almeno 5 i possibili scenari dopo il no all’accordo da parte del Parlamento britannico. Scioglimento del Parlamento ed elezioni anticipate. E’ il primo obiettivo del laburista Corbyn. No deal: la Gran Bretagna esce dalla Ue senza un accordo. Il governo potrebbe preparare un nuovo accordo e sottoporlo al Parlamento. Chiedere una rinegoziazione alle Ue oppure  indire un nuovo referendum.

    La reazione di Macron

    La pressione è su Londra”. Cosi’ il presidente francese, Emmanuel Macron, commenta il voto di bocciatura dell’intesa su Brexit raggiunta dalla premier Theresa May. Il capo dell’Eliseo ha inoltre giudicato il referendum per l’uscita dall’Ue “manipolato” e che sono state dette “bugie alle persone” che hanno votato.

    (Fonte: Rainews e Sky)

Biagio Romano

Da ormai 10 anni scrivo sul web: quella che era solo una passione si è trasformato nel mio lavoro. Mi affascinano le varie dinamiche del mondo dell’informazione. Provo a seguire con interesse numerosi temi, anche se la tv è il mio pane quotidiano (tra reality e talent show, programmi vari e gossip). Esperto di tecnologia, mi appassionano particolarmente anche scienza e natura.

Condividi: