Esteri

Attentato a Kabul, 38 morti e 80 feriti: i talebani rivendicano la strage

Pubblicato il
  • Afghanistan, attentato dei talebani a Kabul: sono 38 i morti e circa 80 i feriti, ma il numero delle vittime è destinato a salire.

    Attentato a Kabul, 38 morti e 80 feriti: i talebani rivendicano la strage
    Attentato a Kabul, 38 morti e 80 feriti: i talebani rivendicano la strage – foto LaRepubblica

    Attentato a Kabul, 38 morti e 80 feriti: i talebani rivendicano la strage

    Ancora grande dolore ed indignazione per l’attentato a Kabul di ieri, martedì 10 gennaio 2017. Sono 38 le persone morte e circa 80 i feriti, un bilancio terribile per un altro episodio di inaccettabile violenza da parte dei talebani. L’attacco, con una bomba e un kamikaze, è avvenuto nei pressi del Parlamento e il ministero della Salute ha sottolineato che il bilancio potrebbe salire perché molti feriti sono in gravi condizioni. Poche ore dopo a Kandahar, in un hotel dove si trovavano il governatore della città afgana e diplomatici degli Emirati Arabi, si sono verificate due esplosioni: si contano almeno nove morti e diversi feriti. Secondo i media locali anche il governatore e un diplomatico sono tra i feriti.

  • Una spirale di violenza senza fine quella che sta colpendo l’Afghanistan, quello di Kabul è infatti solo uno dei tanti episodi terroristici che da tempo ormai immemore fanno da crudele protagonista allo scenario culturale e politico del paese. Il portavoce dei Talebani, Zabihullah Mujahid, ha rivendicato l’attentato di ieri aggiungendo che le vittime sono per la maggior parte agenti dell’intelligence afgana. I talebani sono noti per enfatizzare i loro obiettivi. Gli attacchi dei Talebani si sono moltiplicati in questo periodo, nonostante la stagione invernale, mentre i ripetuti tentativi di lanciare i negoziati di pace sono caduti nel nulla. Intanto, il paese ha dato il via libera la scorsa settimana all’arrivo in primavera dei 300 marines americani reclutati per la formazione delle forze afgane per le missioni Nato.

    A cura di Daniele Magliuolo