Esteri

America, omicidio in diretta su Facebook: è caccia all’uomo a Cleveland

Pubblicato il
  • Cleveland sotto schock: uomo ha compiuto un omicidio postando il video in diretta su Facebook. E’ ricercato in gran parte dell’America

    america omicidio facebook cleveland
    Cleveland sotto schock: uomo ha compiuto un omicidio postando il video in diretta su Facebook. E’ ricercato in gran parte dell’America – foto: ap

    America, omicidio in diretta su Facebook: è caccia all’uomo a Cleveland

    America sotto schock! Un uomo di Cleveland ha compiuto un omicidio la notte scorsa ed ha documentato tutto su Facebook postando un video in diretta dell’atroce delitto. Adesso è “guerra” anche tra la polizia a stelle e strisce ed il social network che non impone nessun limite o protezione per quanto riguarda i live. Intanto, il killer è a piede libero ed è ricercato in quasi tutto il Paese. Alla base del tragico evento, nessuna motivazione specifica: l’afroamericano di 37 anni, di corporatura robusta, calvo e con la barba, in prede ad un raptus di follia, ha colpito la prima vittima che gli è capitata a tiro.  Durante la sua azione omicida, il killer nel video si sarebbe autoaccusato di altri delitti, ma a tal proposito gli agenti locali stanno indagando e non ci sarebbero ancora conferme in merito. Intanto, il suo profilo fb è stato disattivato.

  • Scena del crimine in diretta video su Facebook. Questo è accaduto la notte scorsa in America nella città di Cleveland. Un uomo di origine afroamericana ha scagliato tutta la sua furia su un anziano di 74 anni, vittima sacrificale del suo piano diabolico. Il killer ha agito da solo ed in preda ad un raptus di follia. L’omicidio è stato ripreso e postato sul noto social network. L’account dell’autore del gesto è stato disattivato. Ora è caccia all’uomo in tutto il Paese e scontro aperto tra Istituzioni locali e Zuckeberg & Co. “E’ un crimine orrendo, come è possibile che una piattaforma del genere possa permettere tutto ciò?”, ha commentato il sindaco di Cleveland Frank Jacksonl, che poi ha rivolto un appello al killer in fuga ed alla sua famiglia: “Qualsiasi problema Stephens stia vivendo possiamo parlarne”.