Economia

Istat, le vendite al dettaglio calano a luglio

Pubblicato il
  • Crescono le vendite dei beni alimentari, in calo le altre, che incidono sul dato globale.

    Istat, le vendite al dettaglio calano a luglio
    Istat, le vendite al dettaglio calano a luglio, fonte foto: fscompany.eu

    Istat, le vendite al dettaglio calano a luglio

    l’Istat ha diffuso i dati delle vendite al dettaglio del mese di luglio. Il calo è dello 0.3% rispetto a giugno. Ad incidere sono state le vendite dei prodotti non alimentari, in flessione dello 0.5%, contro un rialzo dello 0.2% di quelle dei prodotti alimentari. Considerando la base annua il calo maggiore va ad interessare il settore cartoleria, libri, giornali e riviste, -4.6%. In calo del 2.3% il setteore elettrodomestici, radio, tv e registratori. Due i settori che hanno avuto un incremento quello giochi, giocattoli, sport e campeggio  e quello mobili, articoli tessili e arredamento. Salgono le vendite della grande distribuzione +1.2% per i prodotti alimentari e +1.0% per i prodotti non alimentari. Nelle imprese che operano su piccole superfici vendite in calo sia per i prodotti alimentari che per gli altri.

  • Per quanto riguarda la grande distribuzione, a luglio il valore delle vendite al dettaglio è aumentato su base annua sia per gli esercizi non specializzati, +0,6%, che per quelli specializzati, +4,1%. Sale il valore delle vendite alimentari, mentre diminuisce quello degli esercizi non alimentari. Vendite che aumentano del 2,6% per i discount, +0,3% per gli ipermercati, +0,1% per i supermercati. Ricapitolando, nei settori non alimentari non sono bastati i saldi per far crescere il valore delle vendite in Italia.

    A cura di Valerio Fioretti